Notizie

Obbligo dei commercianti di garantire il ritiro gratuito delle vecchie apparecchiature elettriche e/o elettroniche

Il Decreto Ministeriale N. 65/2010 recante modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), ha da tempo stabilito che i consumatori NON sono più tenuti a pagare – ai commercianti e/o

distributori presso cui acquistano per il proprio nucleo familiare detti prodotti ex novo - il ritiro dei propri elettrodomestici usati.

La normativa citata, infatti, consente il ritiro “uno contro uno” di detti apparecchi, rendendo di fatto esecutivo l’obbligo di assicurare il ritiro gratuito originariamente previsto dal D.Lgs. N. 151/2005, pena pesantissime sanzioni a carico dei negozianti e/o distributori che possono arrivare fino a un importo di euro 100.000,00.

In altre parole, i negozianti, al momento della fornitura di un nuovo elettrodomestico, hanno l’obbligo di assicurare il ritiro gratuito dell'apparecchiatura usata.

I distributori, compresi quelli che eseguono televendite o vendite elettroniche – autorizzati dalla normativa a raggruppare i RAEE presso i locali del proprio punto vendita in attesa del loro trasporto presso i centri di raccolta - hanno l'obbligo di informare i consumatori sulla gratuità del ritiro, in modo chiaro, anche con avvisi nei locali commerciali.

La suddetta normativa prevede altresì che i RAEE debbano essere trasportati presso i centri di raccolta con cadenza mensile e ogni qualvolta il quantitativo raccolto raggiunga complessivamente i 3500 Kg.

Il legislatore ha previsto un monitoraggio anche per il trasporto, atteso che i rifiuti devono necessariamente essere accompagnati da un “documento di trasporto” ai fini dell’adempimento dell’obbligo di tenuta del registro di carico e scarico.

E’ inoltre previsto – a carico dei negozianti - il divieto di disassemblaggio degli apparecchi (giacché ciò configurerebbe un’attività di gestione dei rifiuti non autorizzata), che dovranno essere conferiti negli appositi centri di raccolta nello stato in cui sono stati ritirati.

vedi anche: I RAEE: in arrivo dall’Unione Europea delle nuove norme a tutela dei consumatori

ATTENZIONE: articolo che sarà aggiornato a breve sulla base delle innovazioni introdotte dal nuovo D. Lgs. 14/03/2014

 

Statistiche

Visite agli articoli
1090963

Notizie flash

ROTTAMAZIONE AER (EX EQUITALIA) termini

Sino al 15 maggio 2018 i contribuenti che non hanno aderito alla rottamazione Equitalia grazie al

Leggi tutto...
Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.