GUIDA MULTE

PAGARE UNA MULTA CONTESTAZIONE IMMEDIATA:

Cosa succede quando nel traffico cittadino venite fermati da un agente che vi contesta la violazione di una norma del codice della strada?

In questi casi, salva la possibilità di far valere le vostre ragioni e far mettere a verbale tutto quanto riteniate opportuno al fine di evitare la sanzione, dovete provvedere al pagamento entro 60 giorni dalla data di contestazione, nelle seguenti modalità :

  • presso l'Ufficio Violazioni Amministrative ed URP in contanti o con Bancomat;
  • tramite versamento sul conto corrente come indicato nel bollettino postale precompilato ed allegato al verbale.

Il più delle volte capita però che gli agenti di polizia o gli accertatori della sosta lascino un avviso di violazione sul parabrezza. Questi preavvisi possono essere pagati entro 15 giorni dalla data della violazione, nelle seguenti modalità:

  • ufficio cassa del Corpo in contanti o con Bancomat;
  • sportelli "DIMMI!";
  • "pagamento facilitato", recandosi presso una tabaccheria/ricevitoria del lotto che sia punto convenzionato.

Se il pagamento non avviene entro questo termine bisogna attendere la notificazione dell'atto tramite raccomandata postale (ciò avviene entro il termine di legge).

PAGARE UNA MULTA VERBALE NOTIFICATO

Nella maggioranza dei casi viene inviato il verbale di violazione direttamente a casa. E’ assolutamente necessario conservare integro il verbale e la busta per eventuali contestazioni e opposizioni. All'importo della violazione verranno aggiunte le spese di notifica e di accertamento, potrete pagarlo nelle forme sopra indicate utilizzando il bollettino postale precompilato. Il pagamento della violazione notificata deve avvenire entro 60 giorni dalla notifica. Le ricevute di pagamento delle multe vanno sempre conservate per 5 anni.

Se l'atto non viene ritirato presso l'Ufficio Postale la notifica è da considerarsi correttamente eseguita trascorsi 10 giorni dal deposito  (compiuta giacenza). In caso di assenza del destinatario, o di altra persona autorizzata al ritiro, l'atto è depositato all'ufficio postale.

VIOLAZIONI NON PAGATE ENTRO 60 GIORNI 

Cosa succede se non si paga nei termini? Le sanzioni non pagate, entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale, in assenza di proposizione di ricorso, sono iscritte a ruolo: la loro riscossione avviene tramite cartella esattoriale (codice tributo 5242 5243 - codice Comune di Bologna 140). L’importo sarà inoltre gravato delle spese di riscossione e di una maggiorazione, per ogni semestre trascorso dal giorno in cui la sanzione è divenuta esigibile (61° giorno dopo la contestazione o notifica), fino alla data di trasmissione del ruolo all’esattore.

Nel caso di smarrimento del verbale, a partire da decimo giorno successivo alla violazione il consumatore può rivolgersi presso l'ufficio competente fornendo la targa esatta del veicolo.

RATEIZZAZIONE SANZIONI

In presenza di determinate e comprovate condizioni è possibile proporre domanda di rateizzazione sia delle sanzioni relative a più verbali che degli importi indicati nelle cartelle esattoriali, utilizzando l’apposito modulo e presentandolo all’ufficio competente.

RICORSI

Se si ritiene che l'accertamento di una violazione sia infondato, qualora ne ricorrano presupposti evidenti e dimostrabili o che sussistano altre circostanze documentabili tali da poter richiedere l'annullamento del verbale, è necessario presentare ricorso alle autorità preposte: Prefetto oppure Giudice di Pace.

PREFETTO

Il ricorso al Prefetto va presentato:

entro 60 giorni, che decorrono dalla data della contestazione o della notifica del verbale, oppure dall'11° giorno successivo al deposito presso l'ufficio postale nel caso l'atto venga notificato per compiuta giacenza; al Prefetto allegando fotocopia dell'atto ed eventualmente altra documentazione che il ricorrente ritenga utile. Non è possibile ricorrere al Prefetto se la violazione viene pagata.

GIUDICE DI PACE

Il ricorso al Giudice di Pace va presentato presso la cancelleria del Giudice di Pace. Qualora si intende richiedere la sospensione dei termini di pagamento, occorre specificarlo nel ricorso.

Per sapere se vi sono gli estremi per proporre ricorso si consiglia di consultare altri articoli in materia pubblicati sulle multe e/o consultare il personale dell'Associazione.

NOTA BENE:

  • qualora il ricorso non venisse accolto, in base alle modifiche normative intervenute non solo la sanzione può essere raddoppiata e gravata di interessi, ma si può essere condannati anche a pagare le spese di controparte. Senza considerare che l'impugnazione del ricorso non è più gratuita (si veda articolo titolato: i ricorsi contro le multe NON SONO PIU' GRATUITI!) e dette spese difficilmente vengono rimborsate;
  • di contro, qualora sussistano i requisiti per l'accoglimento del ricorso ossia per l'annullamento della/e multa/e solitamente il Giudice, oltre ad invalidarle dichiarandone la nullità, condannerà la controparte a rimborsarvi le eventuali spese legali sostenute.
La ZTL

è una vasta zona situata all'interno del centro storico di Bologna in cui dalle ore 7,00 alle ore 20,00, tutti i giorni eccetto il sabato la circolazione dei veicoli a motore è soggetta a limitazioni. Gli accessi alla ZTL sono sorvegliati dal "vigile elettronico

Nella zona Z.T.L. possono circolare :

  • i ciclomotori (due, tre, quattro ruote) i motoveicoli (due e tre ruote);
  • i veicoli al servizio di persone disabili muniti dello specifico contrassegni previsto dal Codice della Strada e rilasciato dal Comune di residenza.

Ai fini del telecontrollo SIRIO, occorre comunicare la targa di:

  • veicoli ad emissione zero (elettrici) ed ibridi con motore elettrico;
  • veicoli dei clienti di alberghi, autorimesse, autofficine;
  • veicoli in servizio di car sharing espressamente autorizzati;
  • veicoli muniti di regolare permesso rilasciato dal Comune di Bologna;
  • veicoli muniti di apposito ticket di accesso, debitamente convalidato ed esposto sul veicolo.

Anche autorizzati ZTL debbono rispettare alcune limitazioni:

  • il divieto di accesso nelle zone limitate 24 ore su 24, come ad esempio le zone pedonali, le corsie bus, l’area cosiddetta "T" (Ugo Bassi, Rizzoli, Indipendenza da Righi a Rizzoli, Via Farini);
  • i provvedimenti di limitazione per la qualità dell'aria validi su tutto il centro abitato di Bologna;
  • il provvedimento di pedonalizzazione della ZTL in vigore la domenica.

 

A cura della Segreteria Nazionale A.DI.DO.Consumatori

Statistiche

Visite agli articoli
832020

Chi è online

Abbiamo 48 visitatori e nessun utente online

Notizie flash

Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Spot ingannevole su reti mediaset: pensi di partecipare ad un estrazione e ti ritrovi un abbonamento

Ci è giunta segnalazione di uno spot che gira sulle reti Mediaset che invita i telespettatori a rispondere ad alcune domande molto facili, facendo loro credere di partecipare solo a un’estrazione, ma in realtà abbonandoli a un servizio che ha un costo mensile.

Ecco come funziona.

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.