Responsabilità medica: non si può morire di distorsione alla caviglia!

A 56 anni muore in seguito ad una distorsione alla caviglia. La vicenda inizia l’11 gennaio 2012 quando

il Signor E.F. inciampa in un tombino sporgente, cade e si fa male alla caviglia. Il giorno seguente, dato il persistere del dolore si reca con la moglie al Rizzoli dove decidono di ingessare la caviglia e parte del piede con una prognosi di 30 giorni e la prescrizione di un anticoagulante. Il gesso gli dà sin da subito fastidio tuttavia nella visita di controllo il 20 gennaio al Rizzoli non viene visitato da un medico ma da due infermieri, come conferma nell’esposto curato dall’Avv.Domenico Morace (e dove gli vengono richiesti €.32 di ticket). Ben presto i dolori dovuti al gesso degenerano in sensazioni di freddo alle dita del piede, dolore toracico, fatica a respirare e dolore all’intera gamba. Il 4 febbraio durante la mattinata  ha colpi tosse e tossisce sangue. Il 6 (nel bel mezzo dei giorni del “nevone”) chiama il Medico di Famiglia descrivendo i dolori telefonicamente, il medico, che lo segue da tempo, gli prescrive tachipirina e gli fissa una visita per il 9. Arriva in ambulatorio in condizioni critiche, aspetta 1 ora in sala d’attesa poi il Medico, viste le condizioni, lo manda in Pronto Soccorso (senza accompagnarlo). Alle 19 lo visitano, ma ormai è troppo tardi: muore per una tromboembolia polmonare.

Dopo la denuncia della moglie, che  chiede comprensibilmente giustizia affinchè tragedie del genere non possano più capitare spiegando che l’uomo stava benissimo prima della caduta, il medico di famiglia, in seguito alle indagini, ha ricevuto un avviso di garanzia dal p.m. Rossi con l’accusa di omicidio colposo. Il sospetto, secondo il perito,  è che la dose di eparina somministrata inizialmente era insufficienti e l’intervento tardivo del medico di famiglia abbia fatto il resto  portando alla tromboembolia fatale.

Caso seguito dall’Avv.Domenico Morace – Consulente Legale A.Di.Do. Consumatori Sede Prov.Le Bologna

Fonte: Il Resto del Carlino

Statistiche

Visite agli articoli
926428

Chi è online

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

Notizie flash

ROTTAMAZIONE AER (EX EQUITALIA) termini

Sino al 15 maggio 2018 i contribuenti che non hanno aderito alla rottamazione Equitalia grazie al

Leggi tutto...
Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.