Ticket: entro settembre altrimenti...

E' consigliabile effettuare l'autocertificazione entro il 17 settembre: fino a questa data

infatti i cittadini non pagheranno i nuovi ticket su medicine e specialistica, ed avranno 60 giorni per regolarizzarsi pagando, eventualmente, la differenza. Dopo quella data, al contrario, chi sarà privo dell'autocertificazione pagherà i ticket previsti per la fascia di reddito più alta sia per le medicine sia per la specialistica, fino a che non avrà provveduto ad autocertificare.

 

In Emilia-Romagna sono stati introdotti dal 29.08.11 i ticket su farmaci e viste specialistiche, modulati su fasce di reddito

Questi i ticket e le relative fasce di reddito:

TicketFasce di reddito
0 euro fino a 36.152 euro
1 euro a confezione 
(con tetto di 2 euro per ricetta)
tra 36.153 e 70.000 euro
2 euro a confezione 
(con tetto di 4 euro per ricetta)
tra 70.001 e 100.000 euro
3 euro a confezione 
(con tetto di 6 euro per ricetta)
oltre 100.000 euro

Visite specialistiche, prestazioni di chirurgia ambulatoriale
Il ticket per le visite specialistiche aumenta di 5 euro per tutti, indipendentemente dal reddito. Chi è esente continuerà ad esserlo. 
Per la prima visita il ticket sarà dunque di 23 euro, per quelle di controllo di 18 euro.
Viene introdotto anche un ticket di 46,15 euro per le prestazioni di chirurgia ambulatoriale della cataratta e della sindrome del tunnel carpale.

 

Risonanza magnetica e Tac
Anche per la risonanza magnetica e la Tac la compartecipazione del cittadino viene rimodulata. Fino a un reddito di 36.152 euro annui resta tuttavia invariata. Questi gli importi e le relative fasce di reddito:

TicketFasce di reddito
36,15 euro fino a 36.152 euro
50 euro tra 36.153 e 100.000 euro
70 euro oltre 100.000 euro

Esami specialistici

Viene introdotto, e modulato in base al reddito, un ulteriore ticket sulla ricetta con esami che da soli o nel loro insieme hanno un valore tariffario superiore a 10 euro. La misura non riguarda i redditi fino a 36.152 euro. Tale quota non si applica alle ricette che prescrivono solo la visita e a quelle che prescrivono Tac e risonanza magnetica. Se la ricetta contiene la visita e altre prestazioni, il costo della visita non concorre a determinare il valore tariffario.

TicketFasce di reddito
0 euro fino a 36.152 euro
5 euro tra 36.153 e 70.000 euro
10 euro tra 70.001 a 100.000 euro
15 euro oltre 100.000 euro


Pronto soccorso
Non cambia nulla, restano in vigore i ticket e le esenzioni attuali.

Come fare l’autocertificazione
Il reddito familiare annuo lordo in base al quale viene calcolato il ticket deve essere dimostrato dai cittadini attraverso un’autocertificazione che dovrà essere compilata per ogni componente del nucleo familiare una sola volta. In questo modo ciascun cittadino sarà in possesso del modulo con cui accedere a tutti i servizi, unitamente alla prescrizione. 
I dati dell’autocertificazione saranno registrati nell’anagrafe sanitaria con il relativo codice di fascia di reddito, che a regime sarà automaticamente riportato in ogni prescrizione.

Non deve effettuare l'autocertificazione chi ha già un'esenzione di ticket per reddito (che è valida sia per la specialistica sia per l'erogazione dei farmaci); chi è nella fascia di reddito più alta, cioè superiore a centomila euro lordi l'anno, poiché paga comunque i ticket più alti; chi ha un'esenzione totale per patologia (deve invece autocertificare chi ha esenzioni legate a specifiche patologie, qualora non abbia già, anche, un'esenzione per reddito).

Per scaricare i moduli e/o avere maggiori informazioni: http://www.saluter.it/servizi/visite-ed-esami/nuovi-ticket-sanitari

Fonte: sito regione.emilia-romagna.it e saluter.it

 

A cura della dott.ssa Giada Gasparini- Presidente ADIDO Consumatori Nazionale

 

 

 

Statistiche

Visite agli articoli
915343

Chi è online

Abbiamo 27 visitatori e nessun utente online

Notizie flash

ROTTAMAZIONE AER (EX EQUITALIA) termini

Sino al 15 maggio 2018 i contribuenti che non hanno aderito alla rottamazione Equitalia grazie al

Leggi tutto...
Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.