Responsabilità sociale ed etica delle imprese

La Norma SA8000
 

Analizzando il contesto economico mondiale possiamo partire dal presupposto che per ognuno di noi è diventata consuetudine acquisire prodotti e servizi provenienti da ogni

parte del mondo. Molto spesso, principalmente per fattori legati alla convenienza, ci rivolgiamo verso altri Paesi ove però spesso la legislazione sociale e del lavoro non è avanzata come la nostra.  In alcuni di questi infatti è frequente il ricorso al lavoro minorile, per ottenere manodopera a costo bassissimo e non rispettando alcun diritto della persona.

Bisogna comunque precisare che anche nel nostro Paese si verificano episodi che, se pur meno gravi, risultano sempre eticamente scorretti: non è occasionale il ricorso al lavoro nero, a quello sottopagato e, anche se più raramente, a quello minorile.

Tutti questi fattori hanno determinato nel corso degli anni l’esigenza di promuovere, sia presso l’opinione pubblica che nelle aziende, la consapevolezza del rispetto di principi che sono alla base dell’etica del lavoro e che costituiscono quella che si definisce la “Responsabilità Sociale.

A tal proposito l’azienda SAI (organizzazione no-profit americana) ha definito uno standard denominato “SA 8000”, applicabile dalle aziende e verificabile da parte di un Ente terzo che consenta alle stesse di dimostrare la propria rispondenza ai principi della Responsabilità Sociale.

Le nuove dinamiche economiche globali non possono, infatti, non tenere conto di temi fondamentali come:

  • il rispetto dei diritti umani;
  • il rispetto dei diritti dei lavoratori;
  • la tutela contro lo sfruttamento dei minori;
  • le garanzie di sicurezza e salubrità sul posto di lavoro.

Il Sistema di Responsabilità Sociale definisce le regole che l’azienda deve rispettare in relazione a:

  • non impiego di lavoro infantile e di lavoro minorile;
  • non ricorso né sostegno ad alcuna forma di “lavoro obbligato”, cioè di costrizione dei dipendenti a lavorare con ricatti di qualunque tipo;
  • garanzia della salute e della sicurezza dei propri lavoratori e pieno rispetto delle norme di legge relative;
  • garanzia della libertà delle associazioni sindacali e dei propri aderenti;
  • assenza di discriminazioni di qualunque tipo dei lavoratori e fra i lavoratori;
  • applicazione di procedure disciplinari nel pieno rispetto delle norme di legge;
  • orario di lavoro rispondente ai requisiti di legge e agli accordi nazionali e locali;
  • retribuzione rispondente al contratto nazionale e a quello integrativo aziendale;
  • comunicazione all’esterno il proprio impegno al rispetto della norma SA 8000;
  • impiego di fornitori che rispettino anch’essi i principi della norma SA 8000.

Durante la verifica gli ispettori dell’Ente certificatore non solo esamineranno i documenti che provano come opera l’azienda, ma, soprattutto intervisteranno il personale per verificare la conoscenza dei principi generali della norma SA 8000 e, soprattutto, accertare che la norma sia conosciuta ed applicata.

Le aziende che superanno l’esame potranno fregiarsi di un riconoscimento internazionale che rappresenta il riconoscimento del rispetto dei principi dell’etica del lavoro.

A cura di: Simone Lamia

Statistiche

Visite agli articoli
897353

Chi è online

Abbiamo 19 visitatori e nessun utente online

Notizie flash

ROTTAMAZIONE AER (EX EQUITALIA) termini

Sino al 15 maggio 2018 i contribuenti che non hanno aderito alla rottamazione Equitalia grazie al

Leggi tutto...
Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.