Scioglimento del matrimonio: si scende ad 1 anno

La Commissione Giustizia della Camera dei Deputati ha approvato il 23 febbraio 2012 il testo della proposta di legge in materia di scioglimento del matrimonio e della comunione tra i coniugi.  Il provvedimento prevede una sensibile riduzione dei tempi di

durata della separazione necessaria per ottenere il divorzio, che scende da tre anni ad un solo anno (due anni nel caso di presenza di figli minorenni). Di seguito, il testo della proposta approvata.

 

Camera dei Deputati, Commissione Giustizia, proposta di legge 23 febbraio 12012 Modifiche al codice civile e all'articolo 3 della legge 1° dicembre 1970, n. 898, in materia di scioglimento del matrimonio e della comunione tra i coniugi. Testo approvato dalla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati

Art. 1.

1. Alla lettera b) del numero 2, del comma 1 dell’articolo 3 della legge 1° dicembre 1970, n. 898, e successive modificazioni, le parole da: « In tutti i predetti casi » fino a: « trasformato in consensuale » sono sostituite dalle seguenti:

« Nelle separazioni consensuali dei coniugi, in assenza di prole minorenne, per la proposizione della domanda di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno un anno, a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale o siano state precisate dai coniugi conclusioni conformi. In tutti gli altri casi, per la proposizione della domanda di scioglimento di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale ».

Art. 2.

1. All'articolo 191 del codice civile è aggiunto, in fine, il seguente comma: «Nel caso di separazione personale, la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui, in sede di udienza presidenziale, il presidente autorizza i coniugi a vivere separati».

Fonte: Altalex, 27 febbraio 2012

Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.