Riscossione forzata di Equitalia

Espropriazione immobiliare ed Ipoteca

L’art 76, all’ultimo comma del dpr citato dispone: “Il concessionario non procede all’espropriazione immobiliare se 

il valore del bene, determinato a norma dell’art 79 e diminuito delle passività ipotecarie aventi priorità sul credito per il quale si procede, è inferiore all’importo indicato al comma 1” (€ 120.000,00)”

Il Legislatore,quindi,   in presenza delle circostanza descritte inibisce ad Equitalia di procedere ad espropriazione dell’immobile in capo al debitore del Fisco.

La norma riflette una sua ratio precisa, tesa a negare all’A.d.R. (Equitalia) il potere di espropriare, e a sancire, in caso di eventuale sua violazione, - ove, cioè, Equitalia in spregio al disposto ricordato proceda all’esproprio dell’immobile -  la nullità radicale dell’azione esecutiva intrapresa, per mancanza di potere

Ne conseguirebbero tutti gli effetti della “nullità” come l’imprescrittibilità dell’azione da parte dell’avente diritto, l’eccepibilità di tale vizio in ogni grado e fase del processo; la sua rilevabilità d’ufficio ecc.

Problematica connessa è quella legata alla circostanza che l’applicazione dell’articolo in argomento è sottoposta ai criteri di valutazione del bene che si intenderebbe espropriare, riportati dall’art 79 decreto cit.

Detti criteri, in vero, sono stati cambiati dal Legislatore per ben tre volte.

Esiste, infatti la prima formulazione della norma in vigore dal primo marzo 1988, una seconda  del 1 luglio 1999 ed infine quella entrata in vigore il 25 giugno 2008 ed ancora vigente.

Tali formulazioni normative evidenziano la sostanziale differenza dell’ammontare della valutazione scaturente da ciascunodei criteri fissati dalla legge,del valore, cioè,  al di sotto del quale non è consentito ad Equitalia  di procedere ad espropriazione dell’immobile.

 Il valore in questione è variato nel tempo dagli € 8000,00 in vigore fino al 2/3/2012; agli € 20.000,00, in vigore dalla predetta data; agli €120.000,00, in vigore dal giugno 2013.

Il detto ammontare  rileva, giova ribadire, sull’ampiezza del potere di Equitalia di procedere o meno alle pratiche espropriative, e prelude, di conseguenza  al problema di individuare, con riferimento a ciascun rapporto obbligatorio dedotto nelle cartelle esattoriali, quale delle tre norme ricordate sia temporalmente applicabile.

 

Le argomentazioni rassegnate valgono anche per quel che concerne l’iscrizione dell’ipoteca da parte di Equitalia,  ai sensi dell’art 77 del dpr 602/73, richiamate le considerazioni della sentenza della Corte di Cassazione S.U. n. 4077/2010 del 22.2. 2010, con le quali si sostiene che   “i limiti posti dall’art 76 cit. all’espropriazione forzata di beni immobili deve necessariamente estendersi anche al potere dell’Agente della riscossione di procedere a iscrizione ipotecaria e ciò in considerazione sia della strumentalità di tale ultima attività rispetto alla prima, sia di una interpretazione sistematica  e garantista per il contribuente del Capo II del dpr 602/73, in cui è inserito l’art 77 in questione”.

a cura dell'Avv.E.Spina- Consulente Legale A.di.do Consumatori

Per maggiori info vedi link Contatti e Chi siamo

Statistiche

Visite agli articoli
819452

Chi è online

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

Notizie flash

Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Spot ingannevole su reti mediaset: pensi di partecipare ad un estrazione e ti ritrovi un abbonamento

Ci è giunta segnalazione di uno spot che gira sulle reti Mediaset che invita i telespettatori a rispondere ad alcune domande molto facili, facendo loro credere di partecipare solo a un’estrazione, ma in realtà abbonandoli a un servizio che ha un costo mensile.

Ecco come funziona.

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.