Boom di contratti non richiesti: l’Autorità detta nuove regole

Purtroppo molti Associati, soprattutto in alcune zone, ci segnalano la presupponenza, l’insistenza e la caparbietà di alcuni venditori che, dopo aver proposto un nuovo contratto per il gas o l’energia elettrica non se ne vanno sino a che l’utente non ha firmato la loro proposta. Il problema è anche che spesso, l’ignaro consumatore, non sa

di aver firmato un contratto e purtroppo di essere vincolato al pagamento di future bollette che, molto spesso, risultano addirittura più care delle precedenti.

Uno dei trucchi più frequenti di questi venditori senza scrupoli è quello di farsi consegnare una bolletta (con la scusa che sono operatori della società di cui l'utente è già cliente) per controllare se possono fare degli sconti.  In realtà la bolletta viene richiesta per estrapolare i dati dell’utente e compilare una proposta di contratto ad altro operatore, proposta che questi venditori senza scrupoli chiedono di firmare, erroneamente affermando che, se si firma,si avrà certamente diritto agli sconti.

Al contrario l’utente si ritroverà, non solo a non avere nessuno sconto e magari ricevere bollette più care, ma anche a dover pagare il recesso dal vecchio fornitore e l’attivazione di una nuova fornitura mai effettivamente richiesta.

L’Autorità,  a seguito dell’ennesima segnalazione, anche per il tramite dell’Associazione A.DI.DO.Consumatori, è corsa ai ripari ed ha dettato nuove regole, pertanto, dal 1° giugno:

le società dovranno verificare i contratti “siglati” telefonando o inviando al cliente un’apposita comunicazione;

i venditori non potranno fornire numeri personali ma solo numeri della società;

i venditori dovranno avere cartellino identificativo con nome, codice e numero della società;

la società  ha 45 giorni per comunicare l’accettazione, pena la revoca del contratto;

dovrà essere inviata copia del contratto da firmare.

 

Inoltre l’Autorità pubblicherà una “lista nera” dei venditori scorretti.

 

I Consulenti dell’Associazione sono a disposizione per elencarvi i vostri diritti e l’eventualità di pretendere indennizzi e/o risarcimenti danni qualora la normativa imposta anche dall'Autorità fosse violata.

 

 

 

 

Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.