Poste Italiane: disservizi e rimborsi

I RECENTI DISSERVIZI SUBITI DAGLI UTENTI DA POSTE ITALIANE : COME FARE PER OTTENERE I RIMBORSI

Numerosi sono stati gli uffici postali - dislocati su tutto il territorio nazionale – bloccati, da mercoledì 1° giugno, a causa di un malfunzionamento del software impiegato da Poste Italiane.

In altre parole, lunghe ore di attesa nei pochi uffici funzionanti, persone spazientite che, dopo aver inutilmente aspettato il proprio turno nelle sedi postali colpite dal problema tecnico succitato, hanno preso d’assalto i pochi uffici funzionanti con altro sistema operativo.

Dopo il caos, il passaggio alla seconda fase, cioè i rimborsi.

 

E’ evidente, infatti, che in seguito al blocco dei sistemi informatici delle poste, sono numerosi gli utenti che hanno subito un danno.

Pertanto, giacché NON SI TRATTA DI UNA SITUAZIONE DETERMINATASI IN SEGUITO A CALAMITA' O CASUALITA', in quanto, disservizio dovuto ad aggiornamento dei sistemi informatici, ADIDO – Associazione Diritti e Doveri dei Consumatori ritiene che VI SIANO TUTTI I REQUISITI PER OTTENERE UN RIMBORSO.

 

 

I danni subiti possono essere molteplici, ad esempio:

  • chi doveva pagare una multa al codice della strada ed era l'ultimo giorno valido, si è visto raddoppiare gli importi della sanzione;
  • chi doveva pagare un’utenza e nella prossima bolletta gli saranno addebitati interessi e more;
  • chi doveva pagare una tassa comunale, Ici e/o altro, dove le penali anche per un giorno di ritardo sono salatissime;
  • chi doveva ritirare la pensione, infatti, il 1 giugno non lo ha potuto fare, il 2 le Poste erano chiuse e, dopo ore di code solo nella tarda mattinata del 3 ha potuto riscuotere, se non il 4 o lunedi 6; pensioni magari minime, che già alla fine del mese lasciano gli anziani in condizione di grave disagio finanziario, figurarsi pochi giorni di ritardo nella liquidazione;
  • chiunque ha dovuto fare code incredibili, recandosi piu' volte alle Poste, senza ottenere il servizio dovuto.

A tal fine, gli utenti potranno presentare reclamo direttamente a Poste Italiane tramite modulo presente negli uffici postali, anche col supporto tecnico di ADIDO – Associazione Diritti e Doveri dei Consumatori.

Ovviamente, qualora la risposta di Poste Italiane sia ritenuta insoddisfacente e/o in caso di mancato rimborso, ADIDO – Associazione Diritti e Doveri dei Consumatori – qualora ritenuti sussistenti i presupposti - si farà promotrice dei diritti lesi degli utenti valutando anche l'ipotesi di proporre una class action ai sensi dell’articolo 140-bis del Codice del consumo.

A cura del dr. R. Illiano

 

 

 

 

 

 

Statistiche

Visite agli articoli
915346

Chi è online

Abbiamo 30 visitatori e nessun utente online

Notizie flash

ROTTAMAZIONE AER (EX EQUITALIA) termini

Sino al 15 maggio 2018 i contribuenti che non hanno aderito alla rottamazione Equitalia grazie al

Leggi tutto...
Equitalia proroga la rottamazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che proroga al 21 aprile (dal 31 marzo) il termine di adesione alla definizione agevolata (DA1) dei ruoli, cosiddetta "rottamazione delle cartelle".

Equitalia potrà rispondere ai contribuenti, sempre secondo il decreto, non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017 con importi dovuti in cinque versamenti e/o pagamento in un’unica soluzione.

I termini dei pagamenti restano invariati e quindi il primo  appuntamento rimane fine luglio 2017.

Tutti i termini per aderire alla rottamazione, compresi quelli prorogati, vengono rimandati di un anno per i contribuenti residenti nei Comuni colpiti dal sisma del Centro Italia. 

Modalità di presentazione del rendiconto condominiale dopo la riforma

Con la legge 220/2012 in vigore dal 18 giugno 2013 (c.d. RIFORMA DEL CONDOMINIO) sono state introdotte molte norme a tutela dei condòmini. Questo articolo vuole fare luce su come l’amministratore deve redigere il rendiconto annuale da presentare in assemblea ordinaria. Gli articoli interessati sono il 1129, il 1130, ma, soprattutto, il 1130 bis del Codice Civile. 

Leggi tutto...
La cartella Equitalia mai notificata si può impugnare

Nell’ultimo decennio la giurisprudenza di legittimità non ha ammesso ricorsi se presentati tardivamente, ossia:

Leggi tutto...
TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) : attenzione agitazione improvvisa

Numerosi Associati stamattina non sono riusciti a recarsi sul posto di lavoro con i mezzi pubblici e sono rimasti invano alle fermate ad attendere i mezzi, non riuscendo nè a contattare nè a collegarsi al sito TPER dove, nella sezione notizie, la società scrive:

 

"BLOCCO DEI SERVIZI DI BUS PER UN'AGITAZIONE IMPROVVISA

Leggi tutto...
Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.